Translation

Italian Chinese (Simplified) English French German Greek Japanese Portuguese Russian Spanish

Articoli

L'ENCUENTRO DI MATELICA VISTO DA ALEX PIETROGIACOMI

Che Alex pietrogiacomi sia una delle "migliori penne" prestate al mondo della passione dei sigari è cosa risaputa e non lo scopriamo certo oggi ... il nostro "Confratello" ha la capacità di far rivivere gli eventi con quello che scrive ... ed anche quest'anno ci ha deliziato raccontandoci l'Encuentro di Matelica ...

Encuentro Amigos de Partagas en Italia

Matelica, Matelica… dall’anno scorso sono entrato nell’atmosfera assolutamente magica e unica che questa città marchigiana infonde in chi la conosce e soprattutto in chi la vive per l’Encuentro Amigos de Partagas en Italia. Un incontro che senza dubbio di smentite è il più importante e coraggioso appuntamento per gli amanti del fumo lento e di Cuba in ogni sua accezione. L’Incontro per tutti coloro che hanno fatto del sigaro, del collezionismo, del tabacco, un motivo di orgoglio. Organizzato da Francesco Minetti e dal grandissimo Club locale (tra i più belli che abbia mai visto, quando sono entrato mi è caduta la mascella) – il Don Alejandro Robaina – è la sintesi di incontro anche per la CCA (Cigar Club Association, di cui Francesco è presidente), per i tabaccai e gli uomini del sigaro in Italia e nel mondo. Ho visto con i miei occhi Matelica diventare una città caraibica (lo so che l’ho detto anche l’anno scorso, ma dovreste provare per capire cosa intendo e come le immagini possano restare indelebilmente impresse nella memoria visiva ed emotiva), trasformarsi in un sogno ad occhi aperti dedicato al compartir, a quella condivisione di intenti, passioni, vite che si consuma letteralmente tra tutti gli appassionati in questi giorni di grandissimo livello culturale.

Relais Il Marchese del Grillo

Perché di cultura si parla: del fumo lento, dei distillati (il sublime Ron Santiago e addirittura la possibilità di degustare il 500, una rarità e un’esclusiva tutta italiana grazie ad Alejandro Pollan), enologica (lo splendido Verdicchio matelicese), di dialoghi tra sigaro e arte e musica, di confronti su fumate vintage e novità. Ma al di là di tutto, quello che si respira a pieni polmoni in quei giorni è l’amicizia, il desiderio di incontrarsi, di scoprirsi. Raccontarsi senza nessun tipo di filtro. Uomini tra gli uomini.

Tutto per il sottoscritto è cominiciato l’8 e mi sono ritrovato nello splendido relais IL MARCHESE DEL GRILLO, dove oramai mi sento più che di casa. Dove ogni volta provo lo stesso sgomento, quello del distaccamento completo dallo stress, dal fuori, da quel “fuori” opprimente, fatto di ritmi dettati da feroci aguzzini postmoderni. Qui mi sento a casa, in pace. La splendida gentilezza e professionalità che abita questo luogo magico sono un toccasana per l’animo e le sue stanze, i suoi ambienti incantano lo sguardo e la mente. Da qui subito al club per un panel con Cinzia Pennesi (magnetica al pianoforte e nella vita) e Stefano Minoia (grande interprete del mondo dei sigari cubani per Diadema), presentato dall’instancabile Silvia Zanovello, vera e propria madrina di tutto il festival. Qui abbiamo chiacchierato di Cinema e Fumo lento, di musica e film muti, di Hitchcock… grande appassionato di Montecristo 3… e siamo riusciti, in un lasso temporale minimo,  a far rivivere l’esperienza del cinema muto con uno spezzone da BLACKMAIL (Il Ricatto, 1929), interpretato musicalmente da Cinzia. Il tutto condito da Montecristo Open e Ron.

Elefante, Ferri e Alejandro Pollan

A seguire degustazione vintage (sigaro e ron) con i perfetti Luigi Ferri (caro amico anche di queste pagine) e di Giuseppe Elefante, anche qui un momento molto importante. Si è parlato di mercato internazionale, si è cercato di ipotizzare lo scenario futuro e ci si è confrontati sul campo riguardo la degustazione e il sigaro in oggetto. Tutto questo mentre volti amici come Enzo e Fabio de Gregorio (una parte di famiglia praticamente), Aurelio Tufano, Nicola di Nunzio, Alejandro Póllan, Milagro Morales, Luca Pezzini, Davide Chiarletti, Matteo Tornielli ( con cui si ride appena ci si vede), Paolo Tirini, Paul de Sury, Fabio Ventura, Fabio Ballestracci, Gonzalo Sánchez e molti molti altri, venivano salutati e abbracciati. Alla sera una splendida cena con spettacoli e musica e qualche sorpresa con il buon Salvatore Parisi, Raiza e una notte finita alle 4.30…

Elixir…

Altro giro altra corsa e senza nemmeno fare colazione eccomi alle prese con uno splendido percorso enogastronomico guidato dal prezioso, puntuale e colto giornalista Bruno Petronilli, che coadiuvato da Umberto, dal maestro ronero Tano e da altri intervenuti, ci ha condotto per le strade dei sapori e dei saperi. Sigari, sigari e ancora sigari. Volute di fumo intriganti e suadenti. E nuove amicizie, come con Ricky Il Maratoneta, di cui spero di poter presto parlare, perché le sue storie fumose sono da restare a bocca aperta.

Con Bruno Petronilli

Alla cena di gala, con le personalità politiche locali e cubane, nella piazza principale abbiamo davvero toccato l’anima di questo incontro, tra cravatte nere e abiti da sera, tra l’eleganza degli abiti e quella della bellezza delle fantastiche e solari ragazze del festival (tra cui la statuaria Chiara Ilari, l’incantevole Chiara Serpicelli e l’enigmatica Elena Zampini), ci si è potuto immergere completamente nel grande cuore dell’Encuentro, sempre ricordando il buon Massimo de Giovanni. E finalmente in mezzo alla gente del Cigar Club Ambrosiano (il buon Stjep e Marco Odescalchi e Marco Montu) mi sono ritrovato al tavolo con la gang meneghina, Matteo e Bruno, per lasciarmi cullare dalla serata, dalla riffa e dagli interventi di tutti.

Quando sono ripartito ho avuto il tipico spleen… lasciarsi alle spalle tutta questa comunione di intenti e passioni. I sorrisi di Francesco Minetti (di Bruno, di tutti quelli che spendono ogni minima energia con grande amore per questa kermesse) restano dentro dolci e al tempo amari, perché non si vorrebbe smettere mai di stare insieme, di vivere questo sogno ad occhi aperti. Ma tant’è e quindi appena salito in macchina ho subito cominciato a pensare all’anno che verrà. Perché funziona così quando vieni  a Matelica, appena hai finito conti subito i giorni che ti separano dalla prossima edizione.

con Enzo de Gregorio e Bruno

Un saluto a tutti gli amici e le amiche. A tutti davvero e se mi sono dimenticato qualcuno ditemelo! Grazie a Francesco e al suo prezioso staff. Grazie a Silvia Zanovello e al suo contagioso sorriso.

Alex Pietrogiacomi

Se volete leggere l'articolo (ma anche tanti altri sulla nostra passione) e guardare le bellissime foto che gli fanno da contorno non vi resta che  navigare sul suo blog : IL BICCHIERE DIVERSO

Latest Tweets

Unable to get latest tweets at this time.

Newsletter

Cerca nel sito

Lunedì, Ottobre 21, 2019

Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti. L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser. privacy policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information