Translation

Italian Chinese (Simplified) English French German Greek Japanese Portuguese Russian Spanish

DEGUSTAZIONE VINTAGE CON "TAGLI" E "FASI" : E' LA NUOVA "FRONTIERA" PER LA DEGUSTAZIONE ?

 

Ad Ischia durante "Primera Emocion" è stato sperimentato un nuovo metodo di fumata per degustare al meglio sigari vintage ... presto speriamo di poterla provare durante una "Puro Habanos Night" organizzata dalla nostra Confraternita di SigariAvana.it !

 

L’evento parte proprio con la degustazione tecnica di un sigaro vintage che ha visto la partecipazione di molti appassionati che ormai da anni raggiungono l’isola verde ... a condurre la prestigiosa degustazione del Churchill Hoyo de Monterrey del 2001 è l’amico di sempre Antonio Peraino.

La degustazione, dice Antonio, sconvolge un po' quei crismi che per anni e ancora oggi, hanno prevalso sulle tecniche di degustazione dei sigari – la divisione in tre terzi è e resta solo una teoria, spiega Antonio – infatti, essa va improntata sulla qualità del tabacco e quindi sulla costruzione e non sulle note sensoriali che sono legate ad un fattore estremamente enologico, va improntata sulla combustione, sulla meccanica della fumata – non serve sapere se il sigaro risente delle spezie piuttosto che del legno ma è necessario saper regolare la combustione, tenere bassa la temperatura e principalmente condizionare il sigaro nella fase di accensione per renderlo più duttile alla fumata.

Ecco appunto la degustazione TAGLI e FASI – una buona degustazione necessita di tre tagli, attenzione stiamo parlando di sigari che appartengono alla famiglia dei Parejo e non dei figurados per i quali può anche essere normale anzi tutt’ora praticata con due soli tagli.

Ma come si abbinano i tagli e quali sono le fasi?

I TAGLI

Senza scendere nel dettaglio, cosa che si potrà fare evidentemente nella pratica, per avere una buona combustione bisognerà praticare 3 tagli di varia grandezza a partire da uno piccolissimo e in momenti diversi della fumata.

Il sigaro andrà condizionato nella prima fase, ovvero l’accensione che non è fine a se stessa ma dura almeno per un paio di centimetri, anche tre, finché non si incontra il ligero, è questa la fase più importante dove il sigaro inizia a bruciare ma con una temperatura molto bassa grazie al primo taglio.

LE FASI

Le fasi sono semplicemente due – la prima è l’accensione, come detto in precedenza, la seconda rappresenta l’intera fumata – è qui che ci rendiamo conto che sigaro stiamo fumando, della qualità dei tabacchi utilizzati, della costruzione, insomma di tutto il processo manifatturiero egregiamente posto a monte.

Non confondiamo la degustazione con una fumata tra amici, la degustazione è tecnica?

Allora dobbiamo essere tecnici e utilizzare tutti i tecnicismi che escludono le poesie – ciò che dobbiamo valutare è il tabacco con cui è costruito il sigaro se è buono oppure no, se è stato coltivato bene oppure no, se è stato curato bene oppure no.

Ma attenzione, è vero che la fumata – detta seconda fase – ci permette di poter valutare un sigaro come è vero che soltanto grazie alla prima fase – detta accensione – ciò potrà accadere.

Questa tecnica regola la combustione, procurando un piccolissimo foro al centro della testa del sigaro daremo alla combustione quel tanto che basta per ambientare il sigaro senza fargli subire uno shock termico mantenendo la temperatura al di sotto dei 600 gradi.

Dopo la prima fase si può procedere con il secondo taglio e successivamente al 3° e ultimo, anche con attrezzi diversi.

Ad Ischia, dall’inizio alla fine tutti i sigari avevano una combustione regolare, addirittura in presenza di vento…sarà stato un caso?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Latest Tweets

Unable to get latest tweets at this time.

Newsletter

Cerca nel sito

Mercoledì, Ottobre 23, 2019

Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti. L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser. privacy policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information